COME LAVARE IL VOSTRO TAPPETO

Come lavare i tappeti

Il lavaggio non è solo un fatto igienico, ma ha importanza anche per la conservazione delle fibre naturali che riacquistano morbidezza, vivacità nei colori e lucentezza.


Anticamente i tappeti venivano lavati raramente e, al fine di mantenerli puliti, si usava frizionarli in superficie con acqua e aceto o ammoniaca.


Purtroppo lo smog e gli elementi chimici presenti nell'atmosfera si depositano sul pelo e, aggregandosi alla polvere, formano una patina di grasso: con il tempo questa patina si indurisce e provoca l’irrigidimento delle fibre con il loro conseguente sgretolamento. Per cui occorre ricorrere a detergenti efficaci e delicati.


Ogni quattro-cinque anni portare il tappeto al lavaggio, soprattutto se è di grande valore, presso una ditta specializzata, in quanto questa risulta un’operazione molto delicata che, se non ben eseguita, potrebbe rovinare irrimediabilmente il manufatto.


Alcuni consigli pratici:


Lavatrice elettrica: NO! Le vibrazioni della lavatrice, anche evitando la centrifuga, trasformano la lana e la rendono durissima, diminuisce il volume ed aumenta il peso specifico del tappeto. La tenuta del colore e l’intera struttura del tappeto saranno irreparabilmente danneggiate. La variazione della tensione dei fili della trama fanno diminuire la pressione intorno ai nodi e rendono brutalmente variabile la larghezza del tappeto. Spesso anche l’elasticità del tappeto si perde totalmente. Nessun restauratore per quanto professionista ne potrebbe riparare i danni.


Lavaggio a secco: NO! Lavanderie e negozi lava-a-secco usano le soluzioni o prodotti chimici in forma di

spray che rovinano la lana togliendone i grassi e danneggiando trama ed ordito. Queste sostanze chimiche

restano sulla lana e all'interno dei nodi e continuano a rovinare la struttura interna del tappeto e ne aumentano il danno. Spesso ci si accorge dopo mesi dei danni subiti dal tappeto e naturalmente non produce nessun effetto reclamare. E’ importante non confondere il tappeto con la pelliccia, molte volte si sente: ho portato il tappeto in una lavanderia specializzata che lava le pellicce costosissime e me l’hanno rovinato. Sono due cose diverse. In ogni caso se una lavanderia di fiducia dichiara di mandare i tappeti a un lavaggio a mano, da specialisti del settore, ci si può fidare solo se lo garantisce senza limiti di tempo e voi conservate la ricevuta e lo scontrino. Le lavanderie hanno l’assicurazione e se danneggiassero il vostro tappeto sono obbligati a risarcirvi i danni. Il lavaggio fai da te:.. Se il tappeto ha un valore che non giustifica la spesa di un lavaggio presso una ditta specializzata, potete provvedere voi stessi.


Per lavare un tappeto non si deve attendere che lo sporco sia visibile. Il lavaggio non è soltanto una questione di igiene ma è di fondamentale importanza per conservare il tappeto e mantenerlo in stato di salute. Prima di eseguire questa operazione consigliamo di collaudare la resistenza al lavaggio di ogni colore eseguendo una prova molto semplice: inumidite leggermente un batuffolo di cotone bianco e strofinatelo delicatamente in ogni zona di colore. Se il colore non tinge il batuffolo di cotone, allora si può lavare il tappeto facendo attenzione a non usare mai alcun detersivo. Se anche un solo colore stinge, è necessario rivolgersi ad uno specialista. La stessa prova può essere effettuata inumidendo una piccola parte del tappeto e strofinandovi sopra un pezzo di carta assorbente pulita per verificare che non vi rimangano tracce di colore. I tappeti di piccola misura possono essere lavati nella vasca da bagno con acqua tiepida: se il tessuto è delicato, è preferibile sistemare il tappetino su una rete di nylon, per evitare pericolose tensioni quando si toglie dall'acqua. Un tappeto di grandi misure, invece può essere lavato all'aperto, preferibilmente in una giornata ventosa, e steso sopra un foglio di politene. Spruzzate appena l’acqua, strofinatelo delicatamente con una spazzola di setola morbida, risciacquatelo accuratamente e lasciatelo asciugare.


Leggi anche alcuni consigli per la manutenzione del tuo tappeto e come pulire i tappeti