TAPPETI NOMADICI


Questi tappeti vengono e venivano prodotti da popoli nomadi, che per tradizione si spostavano continuamente, e che oggi pur se urbanizzati continuano, nei limiti imposti dalle legislazioni dei loro luoghi di origine, ad effettuare la transumanza, ossia la migrazione stagionale e temporanea delle greggi, delle mandrie e dei pastori da pascoli situati in zone collinari o montane.

La specificità itinerante di questi popoli è rispecchiata in questi tappeti, che venivano realizzati su telai smontabili o telai orizzontali con pioli piantati a terra, e sui quali tutt'ora per proseguo di tradizione vengono annodati.


In genere il motivo decorativo è geometrico con significati tradizionali di derivazione animistica, sciamanica, totemica e talismanica, e viene eseguito a memoria, sempre in maniera differente da clan a clan, e da popolo a popolo, ognuno con le proprie maturate esperienze iconologiche, e con un risultato che dipende soprattutto dall'ispirazione del momento del singolo artigiano, con tutte le imperfezioni del caso.

Per questo motivo certe volte il tappeto non ha lo stesso disegno su tutta la sua superficie, le lane possono essere piuttosto grezze, e possono essere riscontrabili differenze di spessore, forma e colore. I formati di questi tappeti seguono misure abbastanza standard, non sono mai particolarmente grandi in ragione della dimensione dei telai e dell’uso al quale per tradizione li annodavano: decorazioni di tenda, cuscini, dormitori e coperte, tovaglie, kenarè deputati all’arredo a terra delle tende o dei tuguri. Questi tappeti più di altri possono essere asimmetrici, sbilenchi, imperfetti, a conferma della loro specificità artigianale.


Tappeto nomade Shiraz

Tappeto Shiraz

 

Tappeto nomade Tuiserkan

Tappeto Tuiserkan

 

Tappeto nomade Kashkai

Tappeto Kashkai

 

Tappeto nomade Belucistan

Tappeto Belucistan

 

Tappeto nomade Mussul

Tappeto Mussul

 


I principali stili di tappeti nomadici sono: Afgan, Afshari, Bakhtiary, Beluci, Belucistan, Borcialoo, Enjelas, Garagè, Hamadan, Zaghè, Hosseinabad, Joshagan, Jozan, Kashkuly, Kenarè, Kouliai, Lilian, Mahabad, Mahal, Malayer, Zanjan, Mazlagan, Mehravan, Meimei, Meshkin, Mir saraband, Mussul, Nanaj, Nehavand, Rudbar, Sabzevar, Saveh, Senè, Serab, Shiraz, Sirjand, Songhor, Tafrish, Tarom, Torkeman, Tuiserkan, Viss.