STUOIE O TAPPETI PIATTI


Questi tappeti rispondono sia dal punto di vista della concezione costruttiva sia dal punto di vista stilistico, alla forma più primitiva del tappeto orientale. Si ipotizza che i primi tappeti fossero infatti intrecciati in corde e cortecce e successivamente tessuti in fibre di lana, prima di essere realizzati utilizzando la celeberrima tecnica a nodi.


Sono come delle stuoie, talvolta dalle trame abbastanza corpose e dalle orditure grezze in lana o in cordato, altre volte più fini, vengono realizzati con l’ausilio di cotone attraverso una tecnica di tessitura raffinata. Esemplari moderni si rifanno alle forme eneolitiche e palafitticole, quando si fabbricavano tappeti di cortecce; oggi sostituiti con la Juta o il Sisal.

La maggior parte di questi esemplari non ha un dritto e un rovescio ma può essere utilizzata su entrambi i lati. I tappeti piatti turchi e persiani vengono chiamati Kilim, ci sono poi i durrie indiani e i sumak caucasici questi ultimi realizzati con trame aggiuntive ed avvolte lungo tutto o parte del disegno tessuto nel campo.

Sono tappeti molto pratici nella manutenzione, si prestano bene grazie alla loro sobrietà a qualsiasi arredo, in special modo a quello moderno.


Tappeto Needle Point

Tappeto Needle Point

Tappeto arazzo

Tappeto Arazzo

Tappeto Abusson


Tappeto abusson


I principali stili di tappeti appartenenti a questa categoria sono: Arazzo, Arazzo Ramboullet, Abusson, Chainstich, Jaquand Patchwork, Needle Point.